P.S. (Pensieri Sparsi). Dal letame nascono i fior.

Il mio primo direttore creativo, Pier Alvise Bragadin, mostrava sempre con orgoglio una delle famose caricature di Gavino Sanna. In quella caricatura Bragadin era ritratto mentre reggeva in mano una pala. Lui stesso me ne spiegò il significato. “è perché sono il più grande spalatore…

P.S. (Pensieri Sparsi): virale, da aggettivo a sostantivo.

In questi giorni sui blog italiani di marketing e di pubblicità è partita un’interessante discussione sullo User Generetad Content e sul virale. Il dibattito più acceso e articolato si sta sviluppando sull’autorevole minimarketing (titolo del post: UCG, Viral marketing, spontaneità o stimolazione: le definizioni contano),…

P.S (Pensieri Sparsi): l’advertising è morto?

Da un po’ di tempo a questa parte sento ripetere questo refrain: l’advertising è morto. Certo, i sintomi non sono rassicuranti: è sempre più difficile vedere campagne eclatanti, e da noi, purtroppo, questo fenomeno è ancora più evidente. L’ADCI ha lanciato un grido d’allarme evidenziando…

P.S (Pensieri Sparsi): chiauard e altri premi.

Appena due giorni fa ho scritto quanto fossero anacronistici i premi pubblicitari (anche se mi riferivo al viral) e, manco farlo apposta, mi arriva la notizia della nomination di un lavoro di Enfants Terribles (Sisal MatchPoint “Pallone”) al chiauard (Key Award, per i puristi). Per…